UXDE dot Net

I prossimi due iPhone sono stati disegnati da Steve Jobs?

Pubblicato da il

Sembrerebbe che  Steve Jobs  prima di abbandonare l’incarico di CEO Apple, abbia lasciato qualche progetto in cantiere, nell’eventualità in cui la sua azienda si fosse trovata in difficoltà. Tutti sappiamo che il gruppo della mela non è in crisi, ma comunque sta attraversando un periodo negativo e se le voci di corridoio fossero vere, la dirigenza Apple avrebbe tutte le ragioni per sfoderare il frutto della genialità dell’uomo che ha portato al massimo splendore la società.

jobs

George Gascón, procuratore distrettuale di San Francisco, ha lavorato per gli ultimi anni a stretto contatto con alcuni affermati giganti della telefonia mobile e riferisce la notizia. Sembra inoltre che, lo stesso, affermi che tale indiscrezione sia arrivata al suo orecchio tramite fonti sicuri che provengono direttamente dall’azienda di Cupertino.

Gascón è venuto a conoscenza delle origini dei prossimi iPhone dopo un incontro con Michael Foulkes, responsabile Apple per i rapporti con autorità ed enti governativi. I due si sono incontrati perchè George aveva un idea per implementare una funzione sull’iPhone che avrebbe permesso, in remoto, di ”uccidere” il telefono qualora fosse stato rubato o smarrito.

Ovviamente la notizia riportata è solo un rumors e perciò va presa con le molle. Comunque non è poi così impossibile che Jobs abbia progettato due generazione di iPhone per la sua azienda prima della sua morte, tutti sappiamo che livello d’ingegno possedeva l’ex CEO Apple. Infine però credo sia da escludere la possibilità di vedere sul mercato un iPhone disegnato completamente da Steve, in quanto è impossibile immaginare che nelle sue capacità ci fosse anche quella di prevedere e implementare funzioni future create dalla direzione Apple dopo il suo decesso.

Fonte| Mashable

Info sull'Autore

ha cominciato a scrivere per Apple Tribù nel 2012. E' un liceale con tante idee, ama la tecnologia, i social network e la musica. Puoi trovare Giovanni su , e .