UXDE dot Net

Tablet obbligatori dal prossimo anno nelle scuole italiane, è il decreto legge ”Digitalia”

Pubblicato da il

Digitalia è il nome del decreto che porterà in tutte le scuole italiane, dal prossimo anno, il tablet. Alla luce dell’incremento della produttività degli studenti in scuole dove si è adottata la tavoletta, l’Italia ha deciso, per questa volta, di stare al passo con i paesi esteri.

Nel Decreto Legge n- 179 del 18 Ottobre è previsto che durante l’anno scolastico 2013/14 per le scuole superiori e 2014/15 per le classi secondarie e primarie, i libri di testo vengano pubblicato esclusivamente in versione digitale o, al limite, in un misto tra versione cartacea e digitale. In questo modo si limiterà il numero di testi acquistati dalle famiglie degli studenti. Anche se i genitori dovranno acquistare il tablet di tasca propria, in totale, si otterrà un grosso risparmio. Infatti i testi digitali costano pochissimo e quasi nulla in confronto a quelli attualmente in uso.

Applicare tutto ciò non è ne semplice e tanto meno economico, dal momento che ogni scuola dovrà essere attrezzata di aule con molte prese, così da poter ricaricare i tablet alla necessità, una rete wireless molto potente (e quindi molto costosa) che possa sostenere tantissime connessioni e, relativamente, il tempo è poco. Le scuole italiane che ad oggi hanno adottato il dispositivo sono pochissime.

I contratti più convenienti sono stati offerti da Apple e Samsung, ma la seconda ha prezzi molto più abbordabili. Senza togliere nulla alla società coreana preferirei che nelle scuole venissero adottati tablet con dietro il logo della mela, anche perchè questi sono più intuitivi e, per un mio gusto personale, più belli. Invece voi chi preferireste?

 

 

Info sull'Autore

ha cominciato a scrivere per Apple Tribù nel 2012. E' un liceale con tante idee, ama la tecnologia, i social network e la musica. Puoi trovare Giovanni su , e .