UXDE dot Net

Oggi, Apple ha sconfitto CD e DVD

Pubblicato da il

Fermi. Fate un resipiro profondo. Prima che il titolo vi faccia agitare troppo, considerate quello che vi sto per dire. I CD e altri supporti ottici, come DVD e Blu-ray, continueranno ovviamente ad essere utilizzati per qualche tempo come metodo di trasporto di dati multimediali. Tuttavia non è un errore affermare oggi che, con due nuove scoperte, Apple ha effettivamente realizzato il futuro del disco ottico nell’industria dei computer. Presto quest’ultimo farà la fine dei floppy disk.

Qualche settimana fa, abbiamo riportato ciò che speravo Apple realizzasse, ovvero una versione rimodernata del MacBook Air. Sono arrivato alla conclusione che non avrei mai utilizzato un supporto ottico nel mio attuale Macbook Pro, inoltre era facile occupare molto spazio e rendere il mio computer troppo pieno senza motivo.

Adesso so cosa penserete: ma il MacBook Air era già in circolazione da un paio d’anni e non ha ancora rimpiazzato il disco ottico. Questo è vero ma quella volta mancanvano ancora un paio di ingredienti chiave.

Prima di tutto , la prima generazione di Air era una pessima combinazione di scarsità di potenza e prezzi eccessivi. Non è più così. In secondo luogo richiedevano alcuni complicati CD di sincronizzazione per poter essere in grado di installare qualcosa da un disco ottico su un Air (o un add-on USB opzionale). Sui nuovi Air non è più così (anche se questo problema esiste ancora).

Quando prendi il tuo MacBook Air e apri la scatola, non troverai nessun disco ottico al suo interno. Normalmente Apple include sempre almeno un DVD di backup per reinstallare il sistema operativo e altri software nel caso il computer non sia più in grado di eseguirli. Ma ora tutto ciò è stato rimpiazzato con una penna USB super sottile. Questa penna, imballata con il manuale, è tutto ciò di cui ora avete bisogno per reinstallare il sistema.

In effetti questo ha senso. I CD erano stati rimpiazzati dai DVD perchè offrivano maggior spazio. Ma le flash memory, come quelle che Apple include nell’Air, spazzano via i DVD quando si parla di quantità di dati immagazzinati. Saranno ancora più costosi da produrre ma Apple ha chiaramente detto come pensa di fare funzionare il tutto. Sospetto anzi che potremmo vedere più driver di questo tipo (che utilizza molta meno plastica di una normale penna usb – e sembra addirittura che ne usi meno di un disco ottico).

Questa però è solo la prima parte del futuro di Apple.

L’altra parte è potenzialmente il più grande annuncio che Apple ha fatto oggi: il Mac Application Store. Mentre Apple non ha ancora rivelato molti dettagli, sembra che questo store si assomigli molto all’App Store per iPhone, iPad e iPod touch. Ci saranno applicazioni gratis e a pagamento. Ci saranno one-click downloads e aggiornamenti automatici.

Quello invece che non ci sarà sono i dischi ottici.

Fin ora, la stragrande maggioranza dei software (almeno quelli legali) è stata distribuita attraverso CD e DVD. Il Mac App Store potrebbe veramente cambiare le cose. Ogni applicazione disponibile su quello store (includendo senza dubbio anche quelle più grandi che amiamo e utilizziamo ogni giorno sui nostri computer) sarà distribuita attraverso la rete; cosa che ha già subito un forte ritardo.

In giro è pieno di aziende che hanno cercato da lungo tempo di distribuire i propri prodotti attraverso Internet. Alcune hanno avuto successo altre no. Ma nessuna ha avuto il tipo di “deposito dati centrale” che Apple ora offre e che ha le potenzialità per diventare una cosa veramente seria.

Se vi sembra simile a ciò su cui Google sta lavorando con il Chrome Web Store o quello che Mozilla sta proponendo con il loro Open Web Ecosystem, ricordate che quelle sono solo applicazioni web. Noi stiamo parlando di applicazioni locali per il Mac App Store. Stiamo parlando di apps che funzioneranno sul nostro computer proprio come quelle che avete ora, e che verranno distribuite in un modo che ha molto più senso.

Verranno distribuite in un modo, tale che i CD, DVD e qualsiasi altro supporto ottico diventerà obsoleto. E questo è un bene poichè presto i supporti ottici comiceranno gradualmente a scomparire.

Con il lancio dell’iTunes Music Store sette anni e mezzo fa, Apple si erà gia messa in moto per sconfiggere il CD-DVD. Oggi ha portato a termine il suo attacco finale. Non ci saranno superstiti.

Info sull'Autore

è laureato in Informatica. Sei anni fa ha fondato Apple Tribù, e si impegna nel mantenere attivo il sito assieme agli altri autori. Puoi trovare Paolo su , e .