UXDE dot Net

“Mangia, prega, ama”: dalla carta allo schermo con Final Cut Pro

Pubblicato da il

Bradley Buecker racconta come ha montato il suo primo lungometraggio, Mangia, prega, ama, con Final Cut Pro. Per montare oltre 70 ore di riprese girate sul campo a New York e in Italia, India e Indonesia, Buecker ha trovato un alleato veloce ed efficiente: il formato ProRes 422 (Proxy) introdotto da Final Cut Pro 7. Potete visionare l’intera storia, raccontata in lingua inglese, nella pagina in-action riguardante Final Cut Studio.

Info sull'Autore

è laureato in Informatica. Sei anni fa ha fondato Apple Tribù, e si impegna nel mantenere attivo il sito assieme agli altri autori. Puoi trovare Paolo su , e .