UXDE dot Net

Cosa comporta essere Mac Users: it’s show time

Pubblicato da il

Oggi vogliamo scrivere questo articolo, tutto d’un fiato. Niente fronzoli o altro. Vogliamo dirvi cosa comporta secondo il nostro stile di vita, essere un Mac Users. Una storia che approfondiamo con voi, e che speriamo apprezziate.

1984… è l’ora del Mac. Steve Jobs annuncia il primo computer Mac, una rivoluzione sotto questo campo, tutti i fan della mela impazziscono oltre ogni immaginazione, è la rivoluzione dei personal computer, che cambierà tutto il mondo dell’informatica fino ad oggi.

Noi rientriamo tra tutti quegli appassionati (ndr.), e ancora oggi siamo qui, a coltivare la nostra passione.
C’è da dire, che una volta l’essere Mac Users era ben diverso da oggi. Eravamo un gruppo che si distingueva, per la propria perseveranza e osservanza delle regole nell’essere un Apple fan. Non importava quanti accessori o computer della mela si possedeva, l’importante era coltivare la propria passione secondo delle regole ben precise: non c’è altro computer al di fuori del mio mac, non c’è altra passione così forte, e vogliamo sempre essere al top.


Oggi tutto è un po cambiato, vedi per il fatto che il Mac sta crescendo come nessun altro computer al mondo in termini di vendite, vedi per il fatto che il livello culturale a cui si avvicina oggi è alla portata di tutti: persone che vogliono semplicemente montare i video delle vacanze con iMovie e si accontentano di navigare in internet. Una volta era ben diverso: andare a scoprire ogni giorno nuovi programmi era qualcosa che ci rendeva felici e fieri di essere Mac Users, e sapevamo bene come difenderci quando qualcuno ci diceva <>. Oggi tutti noi, almeno chi utilizza OS X sa che la realtà è diventata un’altra: sia per quanto riguarda la qualità del software sia per la quantità. Tantissime volte capita di dover cadere in un bivio sulla scelta di un programma, presente in diverse sue forme e che fa la stessa medesima cosa. E ricordiamo anche che il famosissimo Photoshop di Adobe inizialmente era un programma apparso solo su Mac.

Purtroppo (ma tutti sappiamo che la passione per Apple è talmente grande da non farci intimorire), la nascita di iPhone e iPad ha messo in secondo piano l’essere un vero Mac Users, anche se tutti sappiamo che ormai, possederne uno è d’obbligo. Anche noi ci dispiaciamo di dover scrivere articoli principalmente sul mondo di iOS e del mela-fonino, e i motivi sono chiari, o quantomeno ovvi. Ma non ci abbattiamo, perché essere un Mac Users (e quindi un geek), è sintomo di follia pura all’ennesima potenza (ma in senso positivo).

Almeno una volta nella vita, ognuno di noi è stato ansioso di seguire un evento di Steve Jobs: la presentazione di nuovi prodotti è sempre stato un punto cruciale, una vera e propria svolta (epocale aggiungerei), e oggi più di tutti dimostriamo (ed abbiamo dimostrato) al mondo quanto amiamo questa azienda e tutto ciò che sforna.

Chi si ritiene tale scagli la prima “mela”. E ovviamente non dimentichiamo di dimostrarlo sempre più.

Info sull'Autore

è laureato in Informatica. Anni fa ha fondato Apple Tribù, e si impegna nel mantenere attivo il sito assieme agli altri autori. Puoi trovare Paolo su , e .